E se fosse possibile misurare la motivazione? Il regolo motivazionale.

E se fosse possibile misurare la motivazione? Il regolo motivazionale.

Oggi impareremo una delle tecniche base del Colloquio Motivazionale: l’utilizzo del regolo.

 

regolo

 

Secondo il Colloquio Motivazionale la motivazione è un elemento complesso che si compone di tre fattori: importanza , fiducia e disponibilità. Questi elementi rendono il profilo motivazionale di ogni persona unico e dinamico, diverso nel tempo . Il primo passo per comprendere davvero dove “si trova” in un determinato momento un cliente rispetto al proprio cambiamento comportamentale consiste proprio nel conoscere il suo profilo motivazionale, ascoltando attentamente come il cliente parla del suo cambiamento.

Il regolo è una tecnica che può dare una grossa mano all’operatore.

 

Obiettivi della tecnica del regolo

1) Conoscere dove si colloca una persona rispetto ai tre fattori della motivazione, ottenere un profilo motivazionale di una persona in un tempo T rispetto ad un determinato cambiamento comportamentale:

importanza( quanto è importante  per la persona un determinato cambiamento)

fiducia(quanto la persona si sente in grado di realizzare un determinato cambiamento)

disponibilità (quanto una persona è disponibile a realizzare in questo momento un determinato cambiamento

2)Evocare e rinforzare le Affermazioni Orientate al Cambiamento   (Affermazioni del cliente che danno voce al suo “comitato interno” a favore di un determinano cambiamento)

 

Le domande del regolo:

  • Quanto valuti che per te sia importante  ( ad esempio: smettere di fumare. iniziare la dieta, assumere i farmaci) ……………………………………? Su una scala da zero a 100 , dove lo zero vuol dire per niente importante e 100 vuol dire estremamente importante, dove ti collocheresti?
  • Esprimere in maniera qualitativa il valore numerico (es hai risposto cinquanta, significa che per te è mediamente importante…) poi fare seguente domanda: perché hai risposto 50 e non 20 ?
  • Cosa ti servirebbe per arrivare a 80?

 

  • Quanto ti sentiresti fiducioso di essere in grado di   ( ad esempio: smettere di fumare. iniziare la dieta, assumere i farmaci) ……………………………………? Sulla stessa scala da zero a 100, dove lo zero vuol dire per nulla fiducioso e il 100 significa estremamente fiducioso, dove ti colloca?
  • Esprimere in maniera qualitativa il valore numerico (es hai risposto cinquanta, significa  sei  mediamente fiducioso…) poi fare seguente domanda: perché hai risposto 50 e non 20?
  • Cosa ti servirebbe per arrivare a 80?

 

  • Quanto ti senti pronto a ( ad esempio: smettere di fumare. iniziare la dieta, assumere i farmaci) ……………………………..? Sulla stessa scala da zero a dieci, dove lo zero vuol dire per nulla pronto e il 100 significa estremamente pronto, dove ti collochi?
  • Esprimere in maniera qualitativa il valore numerico (es hai risposto cinquanta, significa che sei  mediamente pronto…) poi fare seguente domanda: perché hai risposto 50 e non 20?
  • Cosa ti servirebbe per arrivare a 8?

(se la risposta è zero si fa solo la domanda 3, “cosa ti servirebbe per arrivare a …..un numero maggiore” )

 

Le tre domande del regolo in sintesi

1)Su una scala da 0 a 100 quanto  senti che sia importante/ ti senti fiducioso di/ sei pronto a  …… fare un determinato cambiamento?

2) Perchè ti sei segnato su n (indicare il numero scelto dal cliente)  e non su n (scegliere sempre un numero inferiore)?

3) Cosa ti servirebbe per passare da n (indicare il numero scelto dal cliente) a n (indicare sempre  un numero più alto)?

 

La domanda n 1 serve ad ottenere un  assessment del profilo motivazionale, se il cliente risponde 0 passeremo direttamente alla domanda 3 ma avremo ottenuto un dato molto significativo sul suo cambiamento.

L’ obiettivo delle domande 2 e 3 :  evocare le Affermazioni Orientate al Cambiamento (AOC).

Se le risposte della persona sono Affermazioni Orientate al Cambiamento si procederà con abilità e le strategie  consigliate per rinforzare tale affermazioni.

 

 

In particolare utilizzando le abilità di base:

Domande Aperte: Quando emerge una AOC aiuta la persona ad elaborarla mostrando interesse e curiosità. (es: “quando bevo troppo la sera la mattina dopo mi sento spossato” “come ti senti quando sei spossato?”

Ascolto Riflessivo: Quando emerge una AOC riflettila anche riformulandola (es: “quando bevo troppo la sera la mattina dopo mi sento spossato” “Bere troppo non ti fa sentire bene al mattino”

Riassunto: Tieni conto delle AOC e riassumile di tanto in tanto (Es: quando bevo troppo la sera la mattina dopo mi sento spossato” “A volte ti capita di esagerare col bere e questo non ti permette di essere lucido al mattino”

Sostenere : Quando emerge una AOC sostieni la parte positiva dell’affermazione (es: quando bevo troppo la sera la mattina dopo mi sento spossato” “Sei uno che vuole mantenere la lucidità nelle cose che fa”

 

In allegato un regolo da stampare ed utilizzare a vostra scelta in base alla situazione specifica (importanza , fiducia o disponibilità), ricordate che in una sessione non vanno mai misurate più di due dimensioni alla volta!

BUON LAVORO!

Condividi su:
Annachiara Scamperle
Annachiara Scamperle
acscamperle@gmail.com

Psicologa e psicoterapeuta. E’ l’innovatrice e la sperimentatrice dell’associazione. Interessata ai temi della comunicazione e convinta sostenitrice dell’utilizzo della rete per diffondere valore ed ispirazione con nuovi strumenti e nuove regole. In dieci anni di esperienza sul campo, in diversi ambiti delle relazioni d’aiuto, ha osservato da diverse prospettive il cambiamento delle persone e acquisito strumenti che le permettono di lavorare a diversi livelli di profondità della psiche. E’ pronta e felice di condividere tutto questo con voi, per accompagnare con strumenti e risorse chiunque affronti il tema del cambiamento come operatore o come cliente.